Anteprima FORMA #9 Free Music Impulse 2018

BLAK SAGAAN
venerdì 6 luglio ore 22:30
Tolmino, 19° Sajeta Art & Music Festival
blaksagaan
A Personal Voyage è il debutto di Blak Saagan, il suo primo viaggio nell’oscurità; 90 minuti di musica dedicati alla continua ricerca ed esplorazione delle strutture celesti, direttamente ispirate dal lavoro del cosmologo e divulgatore scientifico Carl Sagan. Registrato in casa durante notti insonni, servendosi solo di un organo Farfisa Vip 202 R, una drum machine Roland TR-606 e un Siel Orchestra. A Personal Voyage è un viaggio personale e mentale, profondo e totalmente avvolgente, un’eco trascinante e immaginifico che non necessita parole per dipanare le sue narrazioni ignote.
Mentre etichette straniere stanno riscoprendo le colonne sonore italiane degli anni ’60 e ’70, Samuele Gottardello aka Blak Saagan ha dato forma alla sua personale library music, alla sua personale colonna sonora che fonde ambient, droni, elettronica e un’incredibile capacità di dar vita a visioni sognanti ad occhi aperti. I maestri italiani Alessandro Alessandroni, Egisto Macchi e Piero Umiliani sono tutti presenti, ma ciò che eleva questo viaggio è il beat pulsante e kraftwerkiano di Miliardi di Galassie che trasporta la navicella spaziale di Carl Sagan. Cavalcando la Cometa 67P è il resoconto dettagliato della missione Rosetta e del suo incontro con l’ultima cometa passata vicino alla Terra. Atterraggio su Enceladus con la sua musica planetaria celebra la magnificenza Enceladus, la sesta luna più grande di Saturno, dove gli scienziati sostengono possa esserci un mare alieno. Una pulsazione motorik ci guida all’interno dell’Astronave Enzmann, che sarebbe potuta essere un’enorme arca interstellare alimentata da riserve di deuterio, un epico viaggio spaziale che sarebbe potuto esistere solo nella mente del Dr. Robert Enzmann. Ora lasciatevi trasportare attraverso il cosmo.
https://www.facebook.com/blaksaagan/

 

ALBERTO NOVELLO
sabato 7 luglio ore 17:30
Tolmino, 19° Sajeta Art & Music Festival
1537924_10205743530001264_4109489123424230407_o
“Past And Recent Experiments In Analog Audiovisual Art”

Considerando l’asse del Sajeta Festival di quest anno, orientato verso la sintesi modulare, ed il riemergente interesse verso la video art analogica, parlerò dei primi esperimenti di arte audiovisiva dei pionieri degli anni ’60 e ’70 come Steve Rutt, Bill Etra e Nam June Paik, per nominarne alcuni, e continuando oggigiorno con contributi di Derek Holzer, Philip Baljeu ed il sottoscritto. Trovo questa linea di ricerca estremamente interessante ed ancora attuale, non solo per la riadattazione di metodi di sintesi video e di una strumentazione che altrimenti andrebbero dimenticati, ma anche per la caratteristica “liquida’” dei risultati visuali, tipica nella manipolazione di segnali analogici, diversa dall’estetica digitale degli ultimi 20 anni.

Alberto Novello

Dopo la laurea in Fisica Nucleare all’Università di Trieste, il master “Art, Science, Technologies” presso l’Istituto Nazionale Politecnico di Grenoble con J.C. Risset e Claude Cadoz, ha ottenuto il dottorato in Percezione Musicale presso l’Univerità Tecnologica di Eindhoven con Armin Kohlrausch. Ha lavorato per la Philips Research di Eindhoven nel campo del Music Information Retrieval e Digital Signal Processing con diverse pubblicazioni su riviste scientifiche e conferenze internazionali. Ha collaborato con Auro Technologies Belgium per la creazione del software per la gestione dell’audio multicanale alla base del nuovo standard internazionale di sound 3D per cinema e high-end home theaters. Si è diplomato in informatica musicale e composizione elettroacustica all’Istituto di Sonologia presso il Conservatorio Reale dell’Aja con Paul Berg e Joel Ryan. Nella sua carriera ha assistito Alvin Lucier, Nicholas Collins e Trevor Wishart nelle loro composizioni e performances.
Il suo principale ambito di attività si basa sulla creazione di architetture multimediali probablistiche, al limite tecnologico tra instabilità ed errore.
Le installazioni e performance di Alberto Novello sono state presentate in festival nazionali ed internazionali di rilievo per la musica contemporanea come EmuFest Roma, Rewire Aja, Biennale di Venezia, Birmingham Network, Seoul Computer Music Festival, New York City Electroacoustic Festival, Monaco Electroacoustique, e conferenze come NIME, ICM, ISMIR, ICMPC, ICA, ICCE, e ESSM ed ha collaborato attivamente con centri per la ricerca della musica contemporanea come il CMMAS in Messico, IEM Graz, GRM in Francia, Logos in Belgio, STEIM ad Amsterdam ed il Conservatorio Reale dell’Aja, Conservatorio di Padova.
Fa parte del Sonology Electroacoustic Ensemble. Ha suonato con Evan Parker, Butch Morris, ha composto per le coreografie di Liat Waysbort, Marie Goeminne, ed Ola Maciejewska. Ha prodotto CD/DVD/Vinili come “JesterN” per Bowindo, Modisti, Dobialabel, CPSR.
http://www.jestern.com/