La democrazia della rete

MARTEDI’ 30 OTTOBRE ORE 10:00
UDINE pushpin-google-hi
TEATRO SAN GIORGIO

Incontro aperto a tutti a cura del Collettivo Ippolita

La democrazia nella rete

INCONTRI_La democrazia nella rete

Il web si presenta come «luogo» in cui ciascuno può mettersi in contatto, istantaneamente e con la massima autonomia, con chiunque nel mondo, ovvero accedere a qualunque risorsa o servizio disponibile e mettere in mostra se stesso, immaginando così di entrare in un flusso collettivo di «partecipazione democratica». Ma le cose potrebbero venir inquadrate da un’altra angolazione, più problematica e inquietante: la Rete non è altro che l’ennesima frontiera del capitalismo, il quale – dopo aver esaurito, nella globalizzazione, lo sfruttamento del territorio reale iniziato con il colonialismo – si dedica oggi allo sfruttamento del territorio virtuale. Convinti di accedere a una nuova forma di libertà individuale; in realtà asserviti, una volta di più, alla volontà del mercato.

Crediamo in una Rete libera, democratica, gratuita, trasparente, imparziale. Crediamo in una Rete rivoluzionaria, capace di rovesciare le gerarchie stabilite a favore di una partecipazione ampia, diffusa, popolare. Crediamo nella circolazione gratuita di contenuti, contro lo strapotere di cartelli mediatici e obsoleti detentori di copyright.
Ci crediamo, ma niente di tutto questo è vero: Rete aperta non significa Rete libera, perché ha i suoi pochi, potentissimi padroni. Pubblicare in Rete non significa rendere pubblico. La libertà non è gratuita, costa cara. Rete libera e democratica? E dove stanno i dati dei cittadini? Nelle mani di chi? Per cosa vengono usati? E come si può invertire la tendenza alla delega tecnocratica?